Le regole dell’educazione

L’educazione, questa sconosciuta

Cari amici, alla luce dell’ennesimo video che è stato pubblicato su internet (questo è il link per poterlo vedere) dove un alunno dell’ istituto tecnico commerciale “Carrara” di Lucca si comporta in maniera assolutamente irrispettosa nei confronti del proprio professore, mi sono sentita in dovere si scrivere qualcosa a favore di questa classe lavorativa che viene costantemente bistrattata da famiglie e studenti sempre più arroganti, prepotenti e senza una minima educazione.

Educazione a scuola
L’educazione a scuola, gli alunni sono sempre più spavaldi e arroganti

Alla fine però ho proprio pensato che il problema non è solo circoscritto alla classe lavorativa dei professori, purtroppo l’educazione viene a mancare in molti altri ambiti, quante volte vedo persone anziane in piedi sul bus mentre tanti ragazzi appena usciti da scuola se ne stanno tranquillamente seduti, lo so a leggere i miei discorsi mi sembra di essere mia nonna, “non ci sono più le generazioni di un tempo”, “si stava meglio quando si stava peggio, etc. etc…. purtroppo però bisogna affrontare una verità che sa proprio di lamentela obsoleta ma che invece rispecchia la realtà: l’educazione sembra passata di moda.

Assenza di educazione: colpa delle famiglie?

E la colpa a chi va? Prima di tutto alle famiglie assenti o ancora peggio di pessimo esempio, che difendono i proprio figli anche se hanno completamente torto, che non danno nessun tipo di educazione lasciando questi poveri bambini poi adolescenti allo stato brado, dovendo imparare da soli le regole per stare al mondo, perchè i genitori sono troppo occupati a farsi i selfie, a postare foto sui social, a soddisfare i loro bisogni, dimenticandosi che i figli non sono un hobby, ma un lavoro.

Premetto che anche io posto foto social e sono motto attiva su Instagram e Facebbok, ma cerco di non dimenticarmi mai che differenza c’è tra l’apparire e l’essere, tra il mondo molte volte effimero del virtuale e della soddisfazione personale (cene, aperitivi, palestra, shopping, etc etc…) e quello della vita reale che ti impone degli obblighi come cittadino e in questo caso come genitore.

L’educazione viene prima di tutto.

professori studenti e scuola, educazione
Professori e studenti: un rapporto diverso è possibile

E’ il mio primo lavoro in quanto genitore ed insegnante, come genitore infatti cerco di impartire le regole dell’educazione tutti i giorni ai miei figli, ma anche come insegnante la prima cosa che cerco di trasmettere ai miei studenti non è la matematica o la fisica, bensì il rispetto verso il prossimo, alunno e insegnante che sia.

Forse proprio per questo mi sta molto a cuore questo argomento, perché da insegnante di scuola privata ho subito tantissima volte situazioni simili a quella nel video, in certi sensi forse anche peggio e mi sono sentita impotente, non si può puntare il dito contro gli insegnanti che non riescono a farsi rispettare, perchè  se “il branco” ti attacca e le famiglie fanno spallucce o se ne fregano, a chi possiamo rivolgerci?

“Non sai chi comanda, mettiti in ginocchio!” dice l’alunno con arroganza al professore.

Oggi l’educazione ha perso la sua battaglia contro il mondo.

 

Le regole dell'educazione, dalla pagina Fb "Rime e Dintorni"
Le regole dell’educazione, la mia filastrocca

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *