Vacanze: meglio sola che (mal) accompagnata!

Vacanze: dimmi con chi vai, ti dirò che rischi corri!

Ahhhh l’estate, l’estate. Momenti di relax, divertimento, nuovi amori e….vacanze!

Dopo un anno di accumulo di monetine nel salvadanaio all’ingresso di casa, dopo un inverno più che piovoso ed una estate passata che chiamarla estate è un eufemismo, sono arrivate le meritate vacanze.

Ed ora, che tu le abbia prenotate con mesi di anticipo, scandendo i giorni che mancano con messaggini “misteriosi” su facebook tipo -126, -125,….etc…etc.. taggando la tua amichetta/fidanzato con cui partirai o che tu abbia deciso all’ultimo minuto dove, quando e con chi partire, le vacanze sono arrivate e dopo la faticosissima “operazione valigia” sei pronta per partire con chi?!?

Questa è la fatidica domanda: con chi saranno queste fantomatiche vacanze? Le opzioni sono semplici ma il risultato non è detto, perché in base alla compagnia le tanto sognate vacanze potrebbero rivelarsi un incubo!

  • Parto con un gruppo di amiche. Un solo consiglio: pazienza zen. Badate bene, un gruppo di amiche non è due/tre amiche ma va dalle quattro in su, è lì che scatta la differenza. In che cosa? In tutto! Quando i numeri diventano sopra il tre allora cominciano le classiche indecisioni: dove andiamo stasera a mangiare? In che locale ci sbronziamo stasera? In quale spiaggia collassiamo domattina/ ce la tiriamo il pomeriggio? Che poi queste classiche indecisioni possono diventare subdoli messaggi subliminali del tipo: Con chi preferisci trascorrere il tempo? Non ero io la tua amica del cuore? E lì scatta la rovina, perché se metti caso non ti va di seguire la tua migliore amica o la auto-eletta “leader” del gruppo (e c’è la leader del gruppo SEMPRE, credetemi, quella che già prima di partire decide l’orario ed il luogo dove incontrarsi, o che dice “facciamo per alzata di mano” e guarda le sue succubi con aria da “ti stacco la testa se osi contraddirmi”) , potrebbe nascere una crisi che neanche Cuba- Stati Uniti avrebbe necessitato di tanta diplomazia.
    Vacanze con le amiche: tutta party e divertimenti! (forse!)
    Vacanze con le amiche: tutta party e divertimenti! (forse!)

    A volte tutta la diplomazia del mondo non basta e far sì che le conseguenze siano tali che il gruppo si spacchi: talune scelgono una spiaggia, altre un altro locale per l’aperitivo ed i confini non è detto che siano netti, può capitare che alcune passano da una parte all’altra non scegliendo una fazione e sparlano male a seconda del gruppo in cui stanno. Ahhhh che bellezza le vacanze così è?!? Ma sì dai, in fondo tanto si sa che si litiga, ci si dà di zoccole con molta non chalance, giuriamo che una vacanza così mai più, ma poi ci si ritrova l’ultima sera a cenare tutte insieme sbronze, come non fosse mai successo nulla e pensando di aver fatto la vacanza migliore del mondo con la lacrimuccia rivolta verso il pensiero del ritorno a casa. Vacanza impegnativa, ma assai divertente. Da consigliare a chi a passato un anno mooooolto noioso e vuole rifarsi!

 

  • Parto con due/tre amiche. Ecco, questa è la vacanza con le amiche ideale. Ma qui sì che è importante scegliere le amiche con cui partire perché si rischia davvero non di rimanere in due o tre, ma da sole! Quindi i miei suggerimenti sono due: o pianificate ben bene dove andare, che luoghi vedere, i locali da non perdere o conoscete talmente bene la persona con cui partite che sapete al 100% che rispecchia i vostri gusti e quindi no problem! Perché litigare con il fidanzato in vacanza ci sta, ma con la/le migliori amiche può rivelarsi fatale. Insomma o sarà la vacanza più bella di sempre, o la vacanza da libro nero dei ricordi. Scelta difficile!
Vacanze con l'amica del cuore
Relax in spiaggia con l’amica del cuore…what else?
  • Mi aggrego ad un gruppo di ragazze di cui ne conosco soltanto una. Ok, sei una tappabuchi. La loro amica X non è potuta partire e te sei il rimpiazzo perfetto dell’ultimo minuto. La curiosità e la scoperta di una nuova persona giocano dalla tua parte e l’amica che ti ha portato per far bella figura cercherà di farti sentire sempre a tuo agio, quindi buttati e vedrai che sarà morbido! In fondo le vacanze nate così all’improvviso e senza aspettative alcuna sono le migliori, meglio così che senza vacanze no?!? Easy.

 

  • Parto con il mio fidanzato/ con un gruppo di coppie. Allora qui c’è solo una domanda da fare: Come va la vita di coppia? Se rispondete a gonfie vele, allora tutto ok, se invece la risposta è insomma, oppure tiriamo avanti, aiuto. Perché le vacanze delle coppie con una incrinatura potrebbero tornare con una crepa immane e quelle in fase di restauro potrebbero tornare ognuna per conto suo. Di norma infatti non fa la compagnia della altre coppie la differenza (a meno che non ci sia l’amante del tuo fidanzato o tuo tra queste!) ma la solidità della coppia stessa.
    Vacanze di coppia - amore vero o crisi?
    Tipica foto da super innamorati in vacanza postata su tutti i social possibili…amore vero o social?

    Nota bene: gli amici devono essere di ENTRAMBI i membri della coppia perché sennò si è già perso in partenza. Vi dico solo una cosa: 15 giorni in un isola con la migliore amica (rivelatasi una grande stronza, gelosa, mitomane del cacchio a dir poco) del mio fidanzato e suo marito come vicini di casa. Risultato: a cena da sola nel mio bungalow e lui con loro a farsi tante grosse risate. Da dimenticare.

 

 

 

 

  • Parto da sola/con un gruppo tipo “avventure nel mondo”. Scelta coraggiosa, non c’è che dire. Ma perché non farla? A volte la migliore compagnia che possiamo avere è proprio la nostra ed i migliori amici con cui possiamo passare il tempo sono quelli che dobbiamo ancora conoscere, quindi perché non provare?
    Vacanze in solitaria
    Spirito d’avventura e niente manicure per un mese, ce la faresti?

    E’ una bella sfida con sé stessi, che può mettere a dura prova e sicuramente bisogna esserne convinti, ma conosco tante persone che lo hanno fatto e lo rifarebbero subito, compresa mia nonna che ogni anno se ne andava a Rimini 3 settimane da sola e gli unici momenti che detestava era quando venivano a trovarla qualche giorno amici o parenti. Se riusciamo in questo intento prima dei 70 anni, ossia a stare bene con noi stesse così come siamo, bè, tanti complimenti a noi! Esperienza catartica.

Ora che ho terminato questa carrellata di opzioni vi svelerò il mio segreto: qualsiasi vacanza facciate godetevela a duemila, ve lo dice una che quest’anno ahimè resterà a casa purtroppo e che darebbe qualsiasi cosa per partire, con le amiche, in coppia, con una valigia e nessuna meta precisa….sappiate che vi invidio!!!! Quindi buon divertimento! A bientot!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *